htArt Basel 2017tp://www.okarte.it
Chiusura 18/06/2017
A arte Invernizzi presenterà ad Art Basel 2017 un progetto di mostra intitolato Dinamiche dello spazio che vuole mettere in dialogo opere fondamentali di Rodolfo Aricò, Carlo Ciussi, François Morellet, Mario Nigro e Niele Toroni.
Messeplatz 10, Basel mappa
Inaugurazione 15/06/2017
A arte Invernizzi

ART BASEL 2017
15-18 Giugno 2017
Hall 2.0 Stand D6


DINAMICHE DELLO SPAZIO
Rodolfo Aricò Carlo Ciussi
François Morellet Mario Nigro Niele Toroni


A arte Invernizzi presenterà ad Art Basel 2017 un progetto di mostra intitolato Dinamiche dello spazio che vuole mettere in dialogo opere fondamentali di Rodolfo Aricò, Carlo Ciussi, François Morellet, Mario Nigro e Niele Toroni. L’esposizione propone opere realizzate con differenti media a partire dagli anni Cinquanta, presentando l’evoluzione di un’idea creativa di movimento nello spazio, espressa non da oggetti in movimento fisico ma grazie ad una dinamica che è interna alla stessa immagine. Attraverso generazioni differenti e diversi linguaggi visuali, l’esposizione traccia questo percorso di ricerca attraverso opere fondamentali in dialogo tra loro.

Fulcro germinale della mostra sono due dipinti di Mario Nigro del 1950: “Pannello a scacchi” e “Senza titolo”, caratterizzati da reticoli ottico-percettivi che l’artista movimenta sia dal punto di vista strutturale che cromatico. Le opere di Nigro definiscono così uno spazio nuovo, con uno sviluppo allover che non si limita a restare in superficie, ma intende penetrare tutte le direzioni, anche di profondità, dello spazio dipinto, come indagine delle relazioni possibili del cosmo.

Tre opere di Rodolfo Aricò degli anni Ottanta sono il centro visivo dello spazio interno del progetto.
Le fenditure divergenti e le sue germinazioni cromatiche palpitanti frantumano la continuità della tela.

Le due grandi tele “Senza titolo”, del 2005 di Carlo Ciussi esprimono una dinamica dello spazio differente, che si concreta in una geometria sensoriale: una geometria non costruita secondo le coordinate e i canoni euclidei, ma declinata a partire da una interiorizzazione potente, da una acquisizione intima, della forma come immagine possibile della metamorfosi di una materialità cosmica in continuo divenire.

Due opere di François Morellet, “Contresens n°1” e “La fuite enchantée des Beaux-Arts n° 4”, entrambe del 2014, esemplificano la sua caratteristica rivisitazione e decostruzione della geometria: archetipi rigorosi ed essenziali come il quadrato, l’angolo, il cerchio, nelle sue opere aprono i propri confini, in duplicazioni, progressioni, frammentazioni, anche attraverso l’inserimento dell’elemento luminoso del neon. L’artista annulla l’immagine come campo visivo chiuso in se stesso, per includere invece il visitatore in uno spazio complesso di esperienza.

Presentati sulle pareti di accesso alla mostra, sono due lavori di Niele Toroni, “Impronte di pennello n. 50 a intervalli di 30 cm”. Dal 1967, l’artista lavora secondo un metodo che prevede la successione di impronte di pennello n. 50, tracciate a 30 cm di distanza l’una dall’altra, che percorrono superfici diverse, ciascuna delle quali diventa luogo reale di un divenire e di una metamorfosi incessante del suo fare nel tempo. È una dinamica di concretezza della diversità, le cui possibilità non si esauriscono nella singolarità e individualità dell’opera, ma nel modificarsi inesausto delle risultanti possibili del suo empirico realizzarsi e distendersi.

A arte Invernizzi presenta ad Art Basel Parcours 2017 l’opera “Spazio curvo” di Gianni Colombo.
A arte Invernizzi presenta ad Art Basel Unlimited 2017 l’opera “π Weeping Neonly” di François Morellet, in collaborazione con Annely Juda Fine Art e Galerie Kamel Mennour.
 
Art Basel 2017Partecipa al gruppo facebook OK ARTE - Artisti Costruttori di Pace
 

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Chiese e dimore antiche

Genova: l'incanto di un presepe in marmo del '400

di Stefano Pariani
In periodi di festività come questo [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Il fascino senza tempo dei Giardini della Guastalla

di Stefano Pariani  Nei giorni d'estate come questi, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani Non di rado il termine “stupore” [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

Correva l'anno 1487 quando, secondo [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

Simbolo dell'epoca comunale e della [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

C'è una fervida creatività che [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

L'immagine del treno e della sua [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

La storia di Milano – le pagine [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

galleria fotografica La chiamavano [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

redatto da Stefano Pariani: Appena fuori dall'abitato [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

galleria fotografica

Ci sono luoghi, a volte nemmeno [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto