GTranslate

 

Zap Mama e le fasi della sua contaminazione

di Margherita Pavoni
Zap Mama è un gruppo musicale fondato dall'artista belga Marie Daulne. Zap Mama canta musica polifonica e afropop; una musica armonica con una miscela di infusi africani. Il successo mondiale di Zap Mama è dovuto anche all'insieme delle sue cantanti, a loro volta polifoniche, ispirate da Hip Hop americano, jazz e pop. Le composizioni americane in continua evoluzione hanno creato un gruppo eterogeneo di cantanti e musicisti.
"La voce è uno strumento in sé" dice la Daulne. "È lo strumento originale e primario. Lo strumento più soulful è la voce umana". E prosegue: “In particolare vorrei fare un focus sulle fonti di questo stile musicale che comprende moltissimi elementi tutti coesi nella creazione, con l'aiuto delle coriste a produrre un suono d'insieme che deriva dall'unione di tante "sonorità analogiche".

Fonti di musica di Zap Mama
Le fonti principali della musica di Zap Mama comprendono le radici della Daulne, in particolare nella repubblica democratica del Congo, la sua educazione in Belgio ed il suo  ritorno in Africa per ritrovare le sue radici musicali.

Repubblica Democratica del Congo
Marie Daulne è figlia di madre congolese e padre belga, ucciso solo pochi giorni dopo la nascita della figlia durante la guerriglia in Congo. La madre di Marie con il fratello e le sorelle hanno dovuto nascondersi nella foresta. Alcuni mesi più tardi Marie e sua madre sono state trasferite in Belgio perché suo padre era cittadino belga.

Belgio
Crescere in Belgio non è stato facile per la famiglia: "C'erano poche persone di colore, ma è diventato più facile convivere diventando adultà". C'erano i primi modelli neri apparsi nella musica e nello sport. In casa la cultura congolese è rimasta presente attraverso le canzoni tradizionali che la madre e le sorelle cantavano insieme. Da parte di padre invece la famiglia si dedicava di più al contesto liturgico.

Marie si è laureata presso l'Accademia reale di belle arti di Bruxelles e la Scuola Nazionale superiore di Arti Visive de la Cambre. Daulne si è anche cimentata nella danza moderna, coreografia acrobatica e, per breve tempo, presso una scuola jazz.
Nonostante venissero cantante canzoni congolesi,  in casa erano severissimi sul fatto che si parlasse francese. Daulne cresce ascoltando musica europea.

La prima fantasia di formare un gruppo di colore avviene guardando alla TV americana un complesso che si esibiva. Quando era adolescente ascoltava il blues americano, soprattutto in periodi sentimentalmente faticosi.
Quando aveva 14 anni andò in Inghilterra ed ebbe il suo primo approccio con il Raggae influenzata dal mitico Bob Marley. Così, anche raggae entra a far parte del suo repertorio. 
Marie entra anche a far parte di un gruppo di breakdancers. 
Quando a scuola lei e le sorelle iniziano a sentire la mancanza del clima africano, si rimette con loro a cantare congolese; da questo momento possiamo parlare di Zap Mama.

Ritorno in Africa
Daulne sente un forte bisogno dei suoni del suo paese e così decide di tornare a casa. Il viaggio in Africa diventa come un'illuminazione, così l'artista inizia a mixare i primi suoni ancestrali con le canzoni pigmee. 
La musica di Daulne si è evoluta negli anni da un accappella quintet ad una voce solista accompagnata da coriste e strumenti. "Mi piace scolpire il mio suono con gli strumenti del luogo, sono un po' nomade e per me è facile fare zapping da uno strumento all'altro", conclude Daulne.
 
Zap Mama e le fasi della sua contaminazionePartecipa al gruppo facebook OK ARTE - Artisti Costruttori di Pace
 
Pin It

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

di Stefano Pariani
Ci siamo già occupati sulle pagine di questa rivista di chiese milanesi abbandonate o lasciate all'incuria dei tempi e si auspicava per [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani
La storia dell'Ospedale Fatebenefratelli di Milano è fortemente legata a quella della sua città e affonda le radici nel Cinquecento, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Margherita Pavoni
Il luogo senz'altro più affascinante di Bergamo Alta è la piazza Vecchia con i suoi portici e la piazzetta della Basilica di Santa [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Milano: storia di una chiesetta dimenticata e imbrattata

di Stefano Pariani
Sono in molti a Milano a conoscere la Chiesa di Sant'Antonio da Padova, nelle adiacenze del Cimitero Monumentale, luogo che raccoglie [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Other Articles

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano