GTranslate

 

La “Società civile” illustrata da Simone Arrigucci. L’artista toscano pubblica una cartella di litografie acquerellate a mano in cui viene indagata l’alienazione dell’uomo contemporaneo

AREZZO – Fonte Aretusa Arte ha pubblicato “Società civile”, cartella a tiratura limitata che raccoglie tre litografie acquerellate a mano dall’artista aretino Simone Arrigucci. La cartella è corredata dalla critica di Marco Botti.

 Allievo di Gastone Torini, in oltre venti anni di carriera il pittore toscano ha ricevuto riconoscimenti nazionali e internazionali per la sua attività. Questa pubblicazione segna un punto di ripartenza dopo lo stop causato dall’emergenza sanitaria da Covid-19 e affronta un tema complesso, da secoli al centro dell’attenzione dei filosofi.

 

 La società civile è stata spesso esplorata anche dal mondo delle arti. Teatro, letteratura, musica e pittura l’hanno usata e continuano a utilizzarla come tema da rappresentare od oggetto di satira e accusa. È in quest’ultimo filone che si inserisce la cartella di Arrigucci, in cui l’artista denuncia con sarcasmo l’uomo di oggi, sempre più votato all’appiattimento.

 Nelle tre opere, “Bagnanti”, “Il fine giustifica il mezzo” e “Intimità”, il microcosmo del pittore sembra emergere da una dimensione onirica. Grazie a simboli e metafore egli rivela la sua visione della contemporaneità, filtrata o trasfigurata attraverso il linguaggio espressionista che da anni è la cifra distintiva della sua arte.

 Nelle litografie si ripetono figure femminili contrassegnate da corpi sinuosi ma omologati, prive di connotati nel viso, che si accalcano e mescolano senza un apparente ordine. I movimenti monotoni, ripetuti quasi per inerzia, palesano un senso di alienazione.

È un essere umano apatico quello che viene rappresentato, indifferente agli stimoli, che non ha interesse a valorizzarsi. Egli preferisce adeguarsi al branco e confondersi nella folla.

 Il pittore, da profondo e consapevole osservatore, sa bene che solo una nuova presa di coscienza potrà invertire la rotta. La strada è lunga e tortuosa, ma gli artisti come Arrigucci provano con coraggio a segnarla.

 

Pin It

Viaggio nell'Arte

Notizie OK ARTE

Le interviste del Direttore

“Baci rubati, Covid 19”, l'arte di Galliani
A cura di Francesca Bellola

Il pittore di fama internazionale si racconta: l'infanzia,...

Read more ...
Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Read more ...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Read more ...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Read more ...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Read more ...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Read more ...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Read more ...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Read more ...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Read more ...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Read more ...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Read more ...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Remember Me

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph