GTranslate

 

“KLIMT; FRA VIENNA E VENEZIA” NEI SOGNI DEL NOVECENTO AL RIDOTTO DEL TEATRO COMUNALE DI VICENZA, GIOVEDì 20 FEBBRAIO

Il prossimo appuntamento dei Sogni del Novecento, le conferenze-spettacolo dedicate alla
Storia dell’Arte al Teatro Comunale di Vicenza è in programma giovedì 20 febbraio: al Ridotto
sarà la storica dell’arte Gabriella Belli, celebre fondatrice del Mart di Rovereto e dal 2011
direttrice della Fondazione Musei Civici di Venezia a raccontare la portata rivoluzionaria della
pittura di Gustav Klimt, nel suo intervento dedicato a “Klimt, fra Vienna e Venezia”.

Contestualizzando perfettamente alcuni dei temi della mostra attualmente in Basilica Palladiana
"Ritratto di donna. Il sogno degli anni Venti e lo sguardo di Ubaldo Oppi”, la studiosa parlerà di
come i ritratti di donne seduttive e magnetiche del celebre pittore viennese siano stati in grado di
creare trionfi e scandali che hanno attraversato i fasti della Secessione viennese per arrivare alla
Biennale di Venezia del primo Novecento, imponendo un modello estetico unico e irrepetibile.
La rassegna dedicata all’Arte, inserita nella stagione artistica del Teatro Comunale Città di
Vicenza, è realizzata con la direzione artistica di Guido Beltramini, direttore del Centro
Internazionale di Studi di Architettura Andrea Palladio e del Palladio Museum. L’edizione 2020
propone degli approfondimenti inediti sul XX secolo, visioni e artisti raccontati in modo originale
per gettare una luce nuova e ‘diversa’ rispetto alle letture tradizionali: pittura, architettura, moda e
mercato, diventano quattro punti di vista per osservare in modo inconsueto l’epoca che più di
tutte ha cambiato il nostro modo di vedere e di fruire l'arte.
Gabriella Belli profonda conoscitrice della storia dell’arte contemporanea, è stata curatrice di
numerosissime mostre di grande successo dedicate ai più grandi protagonisti dell'arte di fine
Ottocento e del Novecento, ed in particolare anche a quella corrente del Realismo Magico, oltre
che del gruppo di Novecento Italiano, a cui appartengono molti degli artisti in esposizione ora a
Vicenza. E' stata inoltre la promotrice della  mostra “Attorno a Klimt. Giuditta, eroismo e
seduzione” al Centro Candiani di Mestre (2016/2017), incentrata attorno a uno dei miti più
affascinanti della tradizione biblica, quello della Giuditta; fulcro dell’esposizione fu proprio il
capolavoro Giuditta I – Salomè, ora presente nella sezione di apertura della mostra in Basilica
Palladiana, curata da Stefania Portinari. Fu un dipinto dirompente e spiazzante per il pubblico e
per la critica del tempo, in cui il pittore viennese usa il mito in chiave contemporanea, mescolando
elementi della più antica tradizione figurativa con una nuova drammaturgia, destinata a
rappresentare le pulsioni dell’inconscio. E fu anche l’inizio di un successo travolgente, presagito
con grande acume da Nino Barbantini, direttore all’epoca della Galleria Internazionale d’Arte
Moderna di Ca’ Pesaro, che seppe cogliere l’assoluta modernità e il futuro incanto dell’opera.
Il viaggio affascinante, tra Vienna e Venezia, di cui Gabriella Belli parlerà al Ridotto del Teatro
Comunale di Vicenza, è quello di un artista in grado di precorrere i tempi e di rappresentare la
donna nella piena consapevolezza del suo corpo e della sua nudità, una presenza, quella di
Klimt, che fu determinante per lo sviluppo delle arti in Italia nei primi due decenni del secolo
scorso. A Venezia in particolare i giovani pittori e scultori che si incontravano nelle mostre
dell’Opera Bevilacqua La Masa, furono particolarmente sensibili allo stile legato alla Secessione
viennese, in cui Klimt ebbe un ruolo fondamentale; personaggi come Arturo Martini, Felice
Casorati, Teodoro Wolf-Ferrari e Vittorio Zecchin ne furono influenzati in modo indelebile.
I biglietti per le conferenze-spettacolo sull’Arte ”Sogni del Novecento” sono in vendita alla biglietteria del
Teatro Comunale, in Viale Mazzini (tel. 0444.324442 - [email protected]) aperta dal martedì al sabato dalle
15.00 alle 18.15, online sul sito del teatro tcvi.it, agli sportelli di Intesa Sanpaolo ex Banca Popolare di
Vicenza; i biglietti si possono acquistare anche tramite la App TCVI e in biglietteria del teatro un’ora prima
degli eventi.
I prezzi dei biglietti per le conferenze-spettacolo “Sogni del Novecento” sono: 14 euro il biglietto intero, 11
euro il ridotto over 65 e under 30.

Pin It

Le interviste del Direttore

“Baci rubati, Covid 19”, l'arte di Galliani
A cura di Francesca Bellola

Il pittore di fama internazionale si racconta: l'infanzia,...

Leggi tutto...
Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph