GTranslate

 

L’India antica nel collezionismo svizzero

testa budda
Chiusura 26/01/2020
di Ugo Perugini
Se non si conosce l’India e non si è stati folgorati dal pensiero del Buddha, la mostra India Antica al Museo di Mendrisio potrebbe essere l’occasione buona per cominciare a conoscere qualcosa di questa civiltà.
Piazzetta dei Serviti 1, Mendrisio mappa
Inaugurazione 27/10/2019
Se non si conosce l’India e non si è stati folgorati dal pensiero del Buddha, la mostra India Antica al Museo di Mendrisio potrebbe essere l’occasione buona per cominciare a conoscere qualcosa di questa civiltà.
Magari, cominciando a farlo dall’osservazione di una settantina di opere scultoree davvero uniche, realizzate in diversi materiali (arenaria rossa, bronzo, scisto, fillade, terracotta) provenienti da venti regioni del subcontinente indiano e da diverse epoche (a partire dal secondo secolo a.C. fino al dodicesimo d. C.). Un’opportunità unica, che non si ripeterà facilmente, dal momento che tutte le opere sono provenienti da collezioni private svizzere.

Garantiamo che le sorprese non mancheranno e, secondo la teoria che partendo dal particolare si può arrivare al generale, chi visita questa mostra potrebbe rimanere così affascinato dalle innumerevoli sollecitazioni che raccoglierà, dal volerne sapere di più e scoprire cosa c’è dietro questo mondo davvero incredibile, ricco di simboli, storie, leggende, animali fantastici, divinità, forze ultraterrene, manifestazioni esoteriche e via dicendo.

E, allora, ecco che una mostra del genere avrebbe già ottenuto il suo scopo più importante: incuriosire, divulgare e coinvolgere chi la visita.
Qualcuno però potrebbe dire: “Ma l’arte cosa c’entra?”. L’arte c’entra perché è il veicolo privilegiato che può far conoscere questo mondo, perché non parla solo alla nostra razionalità ma può sollecitare anche le nostre emozioni più profonde.

Non dimentichiamo che l’India è la culla di tre religioni – buddismo, induismo e giainismo – e il patrimonio culturale che vi sta dietro, ricchissimo e multiforme, può meglio chiarire il rapporto che nel corso del tempo si è sviluppato tra quel popolo e le numerose divinità (leggasi anche concetti, idee, credenze) che ne hanno popolato l’immaginario; divinità, tra l’altro, in continua trasformazione.

Ciò, naturalmente, non mette per nulla in secondo piano il piacere estetico delle opere in esposizione, ricchissime di dettagli e tutte di grande qualità e in grado di esprimere vitalità e sensualità. Pensiamo alla capacità di idealizzare la bellezza femminile (ad esempio, la dea dell’amore e della fertilità).
Si capisce così perché il culto e il mito dell’arte antica indiana abbia potuto attecchire in Occidente a cominciare dall’Ottocento, affascinando insieme a numerosi artisti e scrittori europei (di Alberto Giacometti in mostra è visibile un disegno ispirato a Budda), anche collezionisti, come Enrico Cernuschi, patriota milanese e grande collezionista, con il Museo che porta il suo nome a Parigi.

La Mostra è stata curata da Christian Luczanits, studioso austriaco di arte indiana e tibetana ed è divisa in nove sezioni: Metafore poetiche, Animali leggendari, Tradizioni a confronto, Storie edificanti, Poteri femminili, Diramazioni esoteriche, Miracoli, Coppia divina, Divinità cosmica. L’allestimento è di Barbara Malacrida, storica d’arte e collaboratrice scientifica del museo.

Lo ripetiamo, l’esposizione è solo un assaggio di quello che è l’antica arte indiana. Ma un assaggio davvero interessante, nel quale ritroviamo la genesi di certi interessi e passioni che hanno attecchito con successo in varie forme nella filosofia occidentale come la new age, il buddismo e il pacifismo.

La mostra è visitabile presso il Museo d’arte Mendrisio, piazzetta dei Serviti 1, dal martedì al venerdì 10,00-12,00/14,00-17,00; gli altri giorni 10,00-18,00; lunedì chiuso. E’ stato realizzato un catalogo edito da Skira di 220 pagine con 100 illustrazioni, 10 euro.
Foto: Testa del Budda, stucco, IV-V secolo d.C.
 
L’India antica nel collezionismo svizzeroPartecipa al gruppo facebook OK ARTE - Artisti Costruttori di Pace
 
Pin It

Le interviste del Direttore

Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

di Stefano Pariani
Ci siamo già occupati sulle pagine di questa rivista di chiese milanesi abbandonate o lasciate all'incuria dei tempi e si auspicava per [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani
La storia dell'Ospedale Fatebenefratelli di Milano è fortemente legata a quella della sua città e affonda le radici nel Cinquecento, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph