GTranslate

 

L’ “Estasi” di Santa Teresa vista da Marina Abramović

estasi santa teresa
Chiusura 31/12/2019
di Ugo Perugini
La cripta del Santo Sepolcro è un piccolo gioiello tornato a splendere dopo un attento restauro. Chi vi scende si trova proprio al centro di Milano, l’antico e vero centro della città, posto all’incrocio tra il cardo, la strada che la tagliava dal nord al sud, e il decumano, quella che la attraversava dall’est all’ovest, dove sorgeva il Foro romano, di cui restano ancora ampie tracce.
Piazza San Sepolcro, Milano mappa
Inaugurazione 18/10/2019
Già questa esperienza è di per sé particolarmente suggestiva. Se vi aggiungete che dal 18 ottobre fino al 31 dicembre sarà possibile in questo ambiente ammirare le stranianti ma affascinanti performances di Marina Abramović, capirete che l’occasione è di quelle che non vanno perse. In questo ambiente, infatti, potrete ammirare l’artista serba su tre schermi distinti, sui quali scorreranno le immagini di tre video intitolati “The Kitschen. Homage to Saint Therese”, di cui è protagonista.

Il lavoro è stato girato nel 2009, e durava molto di più di un’ora. I tre filmati ne sono una sintesi significativa, durano ognuno una decina di minuti, ma il fatto non trascurabile è che non sono stati mai proiettati in sequenza, tranne in una circostanza.

Il filmato è stato girato in un ex convento di suore clarisse a La Laboral a Gijón, in Spagna, in quelle che un tempo erano le cucine. Le tre scene sono di grande impatto pur nell’immobilità della protagonista: nella prima le sue mani sovrastano, sfiorandolo un teschio, nella seconda tengono tremanti un pentolino colmo di latte, e nella terza la donna è sollevata dal suolo con le braccia e le gambe come a formare una croce.

Dietro le quinte di questa performance, c’è l’esigenza da parte della Abramović di entrare in qualche modo nel personaggio di Santa Teresa d’Avila, una donna forte, “fémina inquieta y andariega”, sempre in cammino verso la ricerca della fede, ma anche capace di fermarsi a contemplare, vivendo da povera e umile, nella malattia, accusata ingiustamente dall’Inquisizione, e oggetto di episodi soprannaturali, come la transverberazione (chi non ricorda l’opera di Gian Lorenzo Bernini?) e la levitazione, durante i suoi momenti di estasi.

La vita, la morte, la fede sono trasfigurate nelle scene intense di Marina Abramović e rappresentano momenti di grande pathos, anche per chi nei confronti delle scelte espressive e creative dell’artista serba può nutrire qualche dubbio. Il dialogo tra un luogo di culto come la cripta e l’arte contemporanea è una sfida che è stata già accolta positivamente in passato da parte del pubblico, si pensi ai video di Bill Viola, Michelangelo Antonioni e Andy Warhol.

La Mostra Marina Abramović/Estasi, realizzata da Casa Testori e prodotta da Vanitas Club, è curata da Giuseppe Frangi.

La sede è la Veneranda Biblioteca Ambrosiana, ingresso da Piazza San Sepolcro, dal 18 ottobre al 31 dicembre 2019. Martedì – venerdì 12,00 -20,00; sabato e domenica 10,00 – 20,00. Biglietti a partire da 6 euro.
Per informazioni, anche sulle numerose iniziative di Vanitas Club con Caritas, a favore dei più bisognosi, si può visitare il sito www.vanitasclub.org/abramovic.
 
L’ “Estasi” di Santa Teresa vista da Marina Abramović Partecipa al gruppo facebook OK ARTE - Artisti Costruttori di Pace
 
Pin It

Le interviste del Direttore

Ugo Nespolo, «fuori dal coro”» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Carezza Violenta

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

Chiese e dimore antiche

Genova: l'incanto di un presepe in marmo del '400

di Stefano Pariani
In periodi di festività come questo [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Il fascino senza tempo dei Giardini della Guastalla

di Stefano Pariani  Nei giorni d'estate come questi, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani Non di rado il termine “stupore” [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

Correva l'anno 1487 quando, secondo [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

Simbolo dell'epoca comunale e della [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

C'è una fervida creatività che [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

L'immagine del treno e della sua [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

La storia di Milano – le pagine [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

galleria fotografica La chiamavano [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

E' finalmente tornata visitabile [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

“Faceva il palo nella banda dell'Ortica, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

redatto da Stefano Pariani: Appena fuori dall'abitato [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto