GTranslate

 

A Zagabria Magister Giotto

MAGISTER GIOTTO vola in Croazia con un’edizione speciale della mostra multimediale di Cose Belle d'Italia Media Entertainment, dedicata alla Cappella degli Scrovegni e realizzata dall’Istituto Italiano di Cultura, in collaborazione con il Museo Archeologico di Zagabria


ZAGABRIA. Martedì 6 novembre 2018 ha inaugurato a Zagabria “Magister Giotto – La Cappella degli Scrovegni”, mostra di Cose Belle d'Italia Media Entertainment, realizzata dall’Istituto Italiano di Cultura di Zagabria in collaborazione con il Museo Archeologico di Zagabria.

Preceduta da una conferenza stampa che ha consentito ai numerosi giornalisti di vedere “in anteprima” la mostra, l’inaugurazione ufficiale è stata aperta dai saluti dell'Ambasciatore italiano Adriano Chiodi Cianfarani, della Dott.ssa Stefania Del Bravo, Direttore dell'Istituto Italiano di Cultura e del Direttore del Museo Archeologico, Sanijn Mihelic, davanti ad un pubblico che ha riunito numerosi ambasciatori, rappresentanti del Ministero della Cultura croato, direttori dei maggiori musei e rappresentanti di istituzioni locali.

«Per promuovere la cultura bisogna anche avere il coraggio della modernità e della novità, di presentare un volto nuovo dell’Italia» ha affermato Stefania Del Bravo, Direttore dell'Istituto Italiano di Cultura di Zagabria. «Sono molto soddisfatta di questa mostra che sono certa interesserà anche il numeroso pubblico internazionale che affollerà presto Zagabria. La modernità di Giotto, resa attraverso immagini ad altissima definizione, è dimostrata anche dalla riuscitissima combinazione con le musiche composte da Paolo Fresu. La mostra di Cose Belle d’Italia Media Entertainment è una bella immagine che l’Italia porta all’estero, anche dal punto di vista dell’alta tecnologia dedicata a raccontare l’arte».

«Resa possibile grazie alla preziosa collaborazione dell'Istituto Italiano di Cultura di Zagabria, unitamente al Museo Archeologico di Zagabria, “Magister Giotto – La Cappella degli Scrovegni” è una produzione espressamente dedicata al pubblico di Zagabria» ha affermato Renato Saporito, AD di Cose Belle d’Italia Media Entertainment. «La mostra, caratterizzata da un'installazione di grande impatto evocativo, ha interpretato le richieste dei nostri prestigiosi interlocutori, a conferma delle infinite possibilità di declinazione del format Magister, sia in termini di contenuto sia in termini allestitivi, offrendo così un’esperienza immersiva unica nel cuore di uno dei massimi e più visitati capolavori di Giotto, la Cappella degli Scrovegni di Padova».

Fino al 15 gennaio 2019, negli spazi della Galerija AMZ del Museo Archeologico di Zagabria, gli spettatori saranno immersi in una esplorazione della Cappella degli Scrovegni – uno dei più grandi capolavori dell'arte occidentale di tutti i tempi – accompagnata da una narrazione critica sulla radicale innovazione dell'arte giottesca già riconosciuta dai letterati suoi contemporanei: Dante Alighieri, Cennino Cennini e Boccaccio.

La declinazione dei contenuti di “Magister Giotto – La Cappella degli Scrovegni” è restituita attraverso una narrazione drammaturgica e musicale, nella migliore tradizione filmica italiana, e la sperimentazione di nuove tecnologie, tecniche di ingrandimento e montaggio. I visitatori sono così immersi in un’esperienza unica e valoriale, accompagnati dalla musica originale del jazzista Paolo Fresu e, per la versione in lingua italiana, dalla narrazione dell’attore Luca Zingaretti. La mostra è accessibile anche in lingua inglese e in croato, grazie all’interpretazione dell’attore Ozren Grabaric.

“Magister Giotto – La Cappella degli Scrovegni” è una mostra curata da Alessandro Tomei, Professore Ordinario di Storia dell’Arte Medievale, e Giuliano Pisani, Filologo Classico e Storico dell’Arte, in stretta collaborazione con il Direttore Artistico Luca Mazzieri, autore e regista, e il Direttore Esecutivo Alessandra Costantini, architetto e progettista. La supervisione creativa del progetto è affidata a Renato Saporito, Amministratore Delegato di Cose Belle d’Italia Media Entertainment.

MAGISTER è un innovativo format espositivo che ha l’obiettivo di promuovere la bellezza attraverso la valorizzazione del patrimonio culturale italiano, rivitalizzandolo in chiave contemporanea. Come afferma Renato Saporito, Amministratore Delegato di Cose Belle D’Italia Media Entertainment: “La nostra sfida è promuovere la bellezza attraverso la valorizzazione del patrimonio culturale italiano, rivitalizzandolo in chiave contemporanea e restando sempre fedeli a quattro parole chiave: cultura, tecnologia, emozione, rigore scientifico”.

Il Format, con un programma aperto all’internazionalizzazione, presenta una prima trilogia di mostre dedicate a tre grandi Maestri dell’arte: Magister Giotto (2017), Magister Canova (2018) – entrambe con il patrocinio del MiBAC – e Magister Raffaello, in corso di realizzazione.



Informazioni per la Stampa
Magister
COSE BELLE D’ITALIA MEDIA ENTERTAINMENT
[email protected]
https://www.magister.art/it/
Cartella stampa e immagini scaricabili su: www.magister.art/it/mostre/magister-giotto-zagabria/press/

Ufficio Stampa
Studio ESSECI di Sergio Campagnolo
Referente Stefania Bertelli: [email protected]
Tel. 049663499



SCHEDA TECNICA

MAGISTER GIOTTO
LA CAPPELLA DEGLI SCROVEGNI
Zagabria, Galerija AMZ
7 novembre 2018 — 15 gennaio 2019


Mostra di
Cose Belle d’Italia Media Entertainment S.r.l.

RENATO SAPORITO
Amministratore Delegato di Cose Belle d’Italia Media Entertainment S.r.l.
Pin It

Le interviste del Direttore

Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

di Stefano Pariani
Ci siamo già occupati sulle pagine di questa rivista di chiese milanesi abbandonate o lasciate all'incuria dei tempi e si auspicava per [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani
La storia dell'Ospedale Fatebenefratelli di Milano è fortemente legata a quella della sua città e affonda le radici nel Cinquecento, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Margherita Pavoni
Il luogo senz'altro più affascinante di Bergamo Alta è la piazza Vecchia con i suoi portici e la piazzetta della Basilica di Santa [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Milano: storia di una chiesetta dimenticata e imbrattata

di Stefano Pariani
Sono in molti a Milano a conoscere la Chiesa di Sant'Antonio da Padova, nelle adiacenze del Cimitero Monumentale, luogo che raccoglie [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Other Articles

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph