A Verbania, immersi in http://www.okarte.it
Chiusura 30/09/2018
di Clara Bartolini
E' arrivata la primavera, e che ne dite di una rilassante gita al lago. Se poi volete un consiglio, scegliete Verbania, perché saluta la primavera con una bella mostra adatta al luogo e al periodo. Il tema è la natura in tutte le sue declinazioni, e il luogo il Museo del Paesaggio, connubio perfetto.
Via Ruga 44 - Verbania mappa
Inaugurazione 24/03/2018
E' arrivata la primavera, e che ne dite di una rilassante gita al lago. Se poi volete un consiglio, scegliete Verbania, perché saluta la primavera con una bella mostra adatta al luogo e al periodo. Il tema è la natura in tutte le sue declinazioni, e il luogo il Museo del Paesaggio, connubio perfetto.

Il Museo è stato felicemente riaperto nel 2016, con una grande mostra al piano terra presente ora in modo permanente, dedicata al genio dello scultore Paolo Troubetzkoy. La sua gipsoteca, vasta e davvero stimolante con le sue opere guizzanti, con i suoi personaggi colti in movimenti quotidiani e naturalissimi, già da sola vale la visita. Al secondo piano, "Armonie verdi. Paesaggi dalla Scapigliatura al Novecento" si inserisce davvero magnificamente in questo contesto. Le opere esposte, di grande rilievo, appartengono alla Fondazione Cariplo e al Museo stesso.

La rassegna nasce dalla collaborazione con Fondazione Comunitaria del VCO e Cariplo, ed è la quinta manifestazione del progetto Open, che mira a mettere in risalto le peculiarità del territorio e a valorizzarlo. Un bel progetto, che vuole coinvolgere i giovani nello studio dell'arte come risorsa di valorizzazione, e nuovi filantropi in sintonia con la volontà di mettere in contatto arte, natura, e patrimonio artistico locale, oltre a quello di Fondazione Cariplo.

Curata dalla storica dell'arte Elena Pontiggia e da Lucia Molino di Fondazione Cariplo, ci accompagna attraverso le belle sale del museo, in tre sezioni; Scapigliatura, divisionismo, naturalismo - Artisti del Novecento italiano - Oltre il Novecento. Cinquanta le opere esposte. Tre luminosi acquarelli di Daniele Ranzoni, maestro della scapigliatura, aprono a Mosè Bianchi, Carlo Cressini ed altri. Passando ai divisionisti del tempo di guerra Vittore Grubicy, Cesare Maggi con il poetico trittico Neve e Nevicata, Guido Cinotti con un paesaggio di sola luce, si giunge a Emilio Gola, con paesaggi della Brianza e le vedute di Pietro Fragiacomo, la cui opera ha dato il titolo alla mostra.

Per la seconda sezione, si passa a una serie di opere di Tosi e a quella splendida di Sironi, "Il Lago" piccola ma potente e magnetica. Cinque le tele di Tozzi, molto significative, e poi ancora Donghi con un'opera imprevista quanto interessante, Rosai, Cascella, Penagini e Tosi, con una serie di interessanti lavori dalla struttura potente, per citarne alcuni. Per finire, ci intrigano i dipinti di De Pisis, Lilloni, Soffici e Dudreville, per portarci oltre il Novecento. Le opere scelte, mettono in risalto le diverse interpretazioni della natura e del paesaggio, dalla visione romantica dell'Ottocento, a quella volumetrica degli anni Venti, dove il paesaggio è rappresentato come un'architettura e si propone come simbolo di solidità e durata, fino al senso di fragile precarietà degli anni Trenta.

Un ampio discorso artistico- naturalistico che rappresenta, forse, uno dei migliori progetti realizzati da Fondazione Cariplo e che, si inserisce nel territorio, per risvegliare quell'attenzione diventata indispensabile, verso la natura e l'arte. La cornice del lago Maggiore non è da sottovalutare, con le sue bellezze avvolgenti. Una luminosa giornata in questi luoghi d'arte e bellezza della natura, la consiglierei a chiunque.
 
A Verbania, immersi in Partecipa al gruppo facebook OK ARTE - Artisti Costruttori di Pace
 

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Chiese e dimore antiche

Genova: l'incanto di un presepe in marmo del '400

di Stefano Pariani
In periodi di festività come questo [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Il fascino senza tempo dei Giardini della Guastalla

di Stefano Pariani  Nei giorni d'estate come questi, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani Non di rado il termine “stupore” [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

Correva l'anno 1487 quando, secondo [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

Simbolo dell'epoca comunale e della [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

C'è una fervida creatività che [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

L'immagine del treno e della sua [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

La storia di Milano – le pagine [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

galleria fotografica La chiamavano [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

redatto da Stefano Pariani: Appena fuori dall'abitato [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

galleria fotografica

Ci sono luoghi, a volte nemmeno [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto