htDaniel Lauri: in bilico tra realtà e immaginazionehttp://www.okarte.it
Chiusura 30/08/2017
di Marta Lock
Resterà aperta fino al 30 agosto la personale di Daniel Lauri al Museo Diocesano di Gubbio ospitando le sue opere in una cornice medioevale, con le mura di mattoni a vista, che ne esalta i colori e la modernità del tratto dell’artista.
via Federico da Montefeltro, Gubbio mappa
Inaugurazione 01/07/2017
Resterà aperta fino al 30 agosto la personale di un artista molto singolare, sia per percorso di formazione che per modalità espressiva: Daniel Lauri, parigino di nascita ma con origini umbre, che però non ha saputo resistere al richiamo della terra dei suoi avi e dopo una vita intera vissuta a Parigi, ha deciso di stabilirsi definitivamente nella bellissima Gubbio.

Il Museo Diocesano accoglie le sue opere inserendole in una cornice medioevale, con le mura di mattoni a vista, che ne esalta i colori e la modernità del tratto dell’artista. Lauri, formatosi come autodidatta dando ascolto a quell’energia interiore che lo spingeva, fin da ragazzo, a mettere su tela le proprie emozioni, rientra di diritto nella corrente del Surrealismo, quello tra il magico e il metafisico in cui viene rappresentata dettagliatamente la realtà con le connotazioni del sogno, dell’immaginario, ma sempre legato a un qualcosa di sentito, di raccontato o di vissuto.

Opere come Venezia, raccontano di un viaggio in cui la città fa da cornice a una sensazione, l’idea di un accompagnamento musicale che ne vuole sottolineare la bellezza, di una musa che emerge dalle acque della laguna e regala al paesaggio quell’aspetto malinconico e sorridente al tempo stesso; e ancora l’innocenza di una bambina che si aggrappa a un virtuale tendone con cui vorrebbe oscurare lo smog delle fabbriche e il paesaggio brullo provocato dall’industrializzazione per rifugiarsi in un luogo in cui la natura è viva, accogliente, rasserenante, un posto migliore in cui continuare a dar vita a sogni e desideri. Poi ancora l’Amazzone che guarda la distruzione della terra da un mondo lontano, impossibile definire se si trovi nel passato o in un futuro in cui c’è stato un ritorno alla naturalità, o se forse semplicemente sia oltre una porta scorrevole che mostra le due opzioni dell’umanità; e la Clessidra tenuta da mani materne, all’interno della quale il tempo contraddistinto dalla sabbia fa da spartiacque tra ciò che c’era prima e la nuova vita che si genera dopo, indissolubilmente legate, come se la sorgente non possa prescindere dalla sua origine.

E’ questo il messaggio dell’artista, uno sguardo preoccupato verso un futuro che può non essere il migliore che potremmo avere, un suggerimento al ritorno a una naturalezza e semplicità che potrebbe costituire un punto di svolta importante. Visitare la personale di Lauri regala anche l’occasione di scoprire la bellezza del Museo Diocesano, un esempio di architettura del XII secolo, struttura adiacente alla Cattedrale di Gubbio ed esattamente di fronte a Palazzo Ducale e da cui si può godere della vista mozzafiato sulla città.

Il Museo si sviluppa su tre piani, tutti visitabili, e raccoglie al suo interno importanti testimonianze archeologiche di epoca romana e altomedioevale, dipinti e opere scultoree risalenti al Duecento e al Trecento, tra cui spiccano la splendide tavole dipinte dall’eugubino Mello. La pittura quattrocentesca è rappresentata da opere di Ottaviano Nelli, di Taddeo di Bartolo e da un ciclo di affreschi con scene della Passione di Cristo. Insomma, un’imperdibile occasione per vedere quanto il passato possa far da cornice ed esaltare il presente, a testimonianza che l’arte non ha tempo.

DANIEL LAURI
Museo Diocesano
via Federico da Montefeltro, Gubbio
dal 01/07 al 30/08/2017

ORARI
dal martedì alla domenica
dalle 10:30 alle 18:00

Ingresso gratuito

Info:
Associazione Culturale La Medusa
via Federico da Montefeltro, Gubbio
Tel.: 075-9220904 
[email protected]
www.museogubbio.it

 
Daniel Lauri: in bilico tra realtà e immaginazionePartecipa al gruppo facebook OK ARTE - Artisti Costruttori di Pace
 

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Chiese e dimore antiche

Genova: l'incanto di un presepe in marmo del '400

di Stefano Pariani
In periodi di festività come questo [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Il fascino senza tempo dei Giardini della Guastalla

di Stefano Pariani  Nei giorni d'estate come questi, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani Non di rado il termine “stupore” [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

Correva l'anno 1487 quando, secondo [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

Simbolo dell'epoca comunale e della [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

C'è una fervida creatività che [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

L'immagine del treno e della sua [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

La storia di Milano – le pagine [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

galleria fotografica La chiamavano [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

redatto da Stefano Pariani: Appena fuori dall'abitato [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

galleria fotografica

Ci sono luoghi, a volte nemmeno [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto