GTranslate

 

Franco Fortunato | La storia della Querina

artisti costruttori di pace
Chiusura 13/09/2018
Nuova tappa per la mostra dell'artista romano Franco Fortunato
Mole Vanvitelliana, Banchina Giovanni da Chio, 28, 60121 Ancona AN mappa
Inaugurazione 05/09/2018
Dopo le esposizioni nel 2016 a Roma presso il Palazzo della Cancelleria e presso la galleria d’arte Edarcom Europa con un evento dedicato alle sole opere in smalti ceramici, a Bergen in occasione del Festival delle Giornate Anseatiche, nel 2017 a Venezia presso Palazzo Ferro Fini e a Thiene (VI) presso la Fondazione Villa Fabris, "La Storia della Querina" di Franco Fortunato verrà presentata presso i prestigiosi spazi della Mole Vanvitelliana di Ancona dal 5 al 13 settembre 2018.

Una storia antica torna a vivere grazie alla sapiente ricerca artistica ed alla profonda sensibilità che contraddistingue il Maestro Fortunato e che gli permette di attraversare i secoli con un fare narrativo contemporaneo capace di scomporre la materia e ricomporla in un nuovo e coinvolgente immaginario.

Franco Fortunato (Roma, 1946), grande appassionato di mare e storie di marineria, apprende le vicende della Gemma Querina e del suo equipaggio attraverso un libro edito dalla casa editrice Nutrimenti. Successivamente, grazie al materiale documentale offertogli dai discendenti della famiglia Querini, approfondisce la conoscenza di quest’avventura dai diari di Pietro Querini, navigatore e mercante di nobile famiglia veneziana. Questi, partito da Creta per le Fiandre alla fine d’aprile del 1431 al comando della caracca Gemma Querina, costruita dai maestri d’ascia cretesi, con un carico di Malvasia, spezie, cotone e altre preziose mercanzie di provenienza mediorientale, dopo numerose peripezie, tra cui il danneggiamento della chiglia e del timone, fece naufragio e l’equipaggio, dopo una lunga navigazione alla deriva su un’imbarcazione di soccorso, raggiunse le acque delle isole Lofoten in Norvegia, duecento chilometri oltre il Circolo Polare Artico. Tratti in salvo dai pescatori dell’isola di Røst, che nei diari vengono descritti come una comunità pura e generosa, Pietro Querini e i naufraghi superstiti furono loro ospiti per quelli che vengono definiti “100 giorni in paradiso”, per poi rientrare, attraverso un lungo viaggio via terra, a Venezia nell’ottobre del 1432.

A questa vicenda gli storici fanno risalire l’inizio del commercio dello stoccafisso e del baccalà dalla Norvegia all’Italia, paese a tutt’oggi consumatore di oltre il novanta per cento di questo specifico prodotto ittico. E proprio alla volontà dell'Accademia dello Stoccafisso all'Anconitana si deve la realizzazione di questa importante tappa della mostra presso la Mole come evento principale di una serie di conferenze e degustazioni dedicati allo stoccafisso.

L’esposizione è arricchita anche da un prezioso cortometraggio con la regia di Valentina Grossi, prodotto da CUT& Editing & More, recentemente acquisito dal canale culturale Rai Storia. Il video di circa venti minuti è stato costruito seguendo la cronologia della storia, utilizzando e rielaborando le immagini del Maestro con veri e propri movimenti di macchina, creando profondità e sfocature, tagli e sovrapposizioni che danno la possibilità ai vari elementi rappresentati di prendere vita fondendosi tra di loro in un’unica opera filmica.

INFORMAZIONI:

Artista: Franco Fortunato
Mostra: La storia della Querina
Inaugurazione: mercoledì 5 settembre ore 17,30
Cura e coordinamento: Francesco Ciaffi
Periodo: 5-13 settembre 2018
Spazio: Mole Vanvitelliana - Sala Boxe
Orario: 10,30-12,30 / 18,00-20,00 (Lunedì Chiuso) – ingresso libero
Organizzazione: Edarcom Europa Galleria d’Arte
Informazioni: tel. 06.7802620 – www.edarcom.it
In collaborazione con: Accademia dello Stoccafisso all'Anconitana www.accademiadellostoccafisso.com
Con il patrocinio di: Regione Marche, Comune di Ancona, Ambasciata di Norvegia in Italia, Fondo Mole Vanvitelliana
Catalogo: Edizioni della Galleria Edarcom Europa
 
Franco Fortunato | La storia della QuerinaPartecipa al gruppo facebook OK ARTE - Artisti Costruttori di Pace
 
Pin It

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

Chiusura 16/07/2020 di Stefano Pariani
Molti milanesi la ricordano ancora come la “gesetta di lusert”, la chiesetta delle lucertole, un edificio [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani
Ci siamo già occupati sulle pagine di questa rivista di chiese milanesi abbandonate o lasciate all'incuria dei tempi e si auspicava per [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano