GTranslate

 

Elisa Zadi-Extinct Animals Fantasy

Elisa Zadi-Extinct Animals Fantasyhttp://www.okarte.it
Chiusura 26/06/2018

"> "Extinct Animals Fantasy" è un’opera composta da un trittico di tre maglie cucite in tela grezza di cotone e applicate su un supporto di legno, che le incornicia come in una teca. Sul davanti delle maglie sono dipinte tre diverse fantasie; la scelta concettuale e grafica è quella di contrapporre dei fiori coloratissimi a dei teschi (fra loro compatibili per area geografica) appartenenti a specie estinte di animali. I nomi delle specie scomparse sono stati appositamente scritti sul collo delle maglie, come a determinare il nome di un modello nella progettazione di moda, accompagnato, invece che dalle classiche taglie S-M-L, dalla scritta EX, terminologia usata in zoologia per indicare che una data specie è estinta. “Panthera Tigris Sundaica”, “Homo Sapiens Idaltu”, “Diceros Bicornis Longipes” sono stati scelti da differenti continenti per essere i protagonisti di quest’opera che, nel contrasto provocatorio e giocoso insieme, li riporta alla memoria in una versione indossabile, tributo contemporaneo per la società attuale.

Piazza Boccaccio, Certaldo, Firenze mappa
Inaugurazione 12/06/2018
VI edizione della manifestazione Notti InColore 2018:
Ambarabà, Ciccì e Coccò, a cura di Gloria Campriani.

Dress code: avana, bianco e multicolori
Certaldo (FI): viale Giacomo Matteotti, piazza Giulio Masini, via II giugno, borgo Garibaldi, piazza Boccaccio e via IV novembre.
Martedì 12,19 e 26 giugno, ore 21.30

La scelta del titolo Ambarabà ciccì coccò, non si riferisce solo al suono, che lascia immaginare vari “colori”, ma ai tre artisti delle mostre personali a “cielo aperto” (uno a notte) e alle loro tre installazioni (tre per ogni sera accompagnate da tre azioni performative) con tre linguaggi diversi. Simbolo dell’unione perfetta, il numero tre, appare ripetutamente nello sviluppo del progetto e senza uno specifico significato, il primo verso della popolare filastrocca, Ambarabà ciccì coccò, come in alcuni casi accade con l’arte contemporanea, sono piacevoli “nonsense”.

Le performance che avranno luogo sulle installazioni avranno lo scopo di suggerire vari messaggi interpretativi per una diverso approccio alla comprensione dell’opera d’arte. I tempi scanditi dai performer segneranno, così, il cammino da percorrere per la visita alle mostre personali a “cielo aperto”.
Il progetto svilupperà una interessante qualità artistica anche nelle mostre personali allestite “in vetrina”, visitabili negli appuntamenti previsti dalla rassegna e durante tutto il periodo della manifestazione che va dal 12 al 26 giugno, orari negozi, tranne il lunedì. Chi volesse approfondire la conoscenza sugli artisti, i collezionisti, gli storici, i critici ecc. del festival, può consultare o acquistare presso i negozi i cataloghi, libri e volumi disponibili. La rassegna si contraddistingue per le mostre di arte a “cielo aperto” e in “vetrina” (dal 12 al 26 giugno) con, pittori, scultori, fotografi, video maker, performer, e collezionisti e si completa con conferenze e presentazioni di libri con scrittori, storici dell’arte, critici ed infine ospiti televisivi e influencer.
A l’ora dell’aperitivo e dopo cena, nei bar, caffè, pub e bistrot, è possibile ascoltare musica live: sperimentale, jazz, blues, swing, pop, rock, disco e classica con vari strumenti musicali anche con il più inconsueto clavicembalo (consulta il programma allegato) degustando cocktail del colore della notte creati appositamente per la manifestazione Ambarabà ciccì coccò. Presso le gelaterie, le yogurterie, i fornai, le pizzerie e le pasticcerie è possibile assaggiare nuovi gusti che portano il nome di Ambarabà ciccì coccò. Il progetto, volto alla valorizzazione e alla promozione dell’arte contemporanea e degli artisti, che è lo spirito in cui nasce la rassegna, si rivolgerà soprattutto ai visitatori più disinteressati, distratti o pigri, con il fine di stimolare il pensiero divergente, che guarda alle cose da “diversi” punti di vista per trovare sempre nuove soluzioni.
Il sovraccarico di foto, prive di significato, a cui tutti i giorni siamo sottoposti con gli strumenti tecnologici, ci impediscono di distinguere le buone immagini di cui abbiamo bisogno per la nostra salute mentale, mettendo tutto sullo steso piano.
L’arte contemporanea uscirà, così, dagli spazi convenzionali per entrare nei luoghi che frequentiamo abitualmente. Scenderà in piazza, nelle vie del centro e nei negozi con qualità e attenzione agli allestimenti, per incontrare e dialogare all’esterno, senza voler deludere gli appassionati, abituati a vedere le opere degli artisti proposti dal progetto nei musei, nelle gallerie o presso collezionisti.

Ambarabà ciccì coccò,
VI edizione della manifestazione artistica Notti InColore 2018, a cura di Gloria Campriani, è stata realizzata grazie al contributo del Comune di Certaldo, Centro commerciale naturale ConCertaldo, Confesercenti Empolese Valdelsa e in collaborazione con MultiMedia91 e Narrazioni Urbane

Ingresso libero
Le mostre in “vetrina” sono visitabili negli appuntamenti previsti dalla rassegna e durante tutto il periodo della manifestazione che va dal 12 al 26 giugno, tranne il lunedì, orari dei negozi.

Info e Ufficio stampa:
Sistema Museale di Certaldo 0571 661265 - [email protected] - www.comune.certaldo.fi.it
Associazione MultiMedia91, [email protected], tel. 055 8398747
 
Elisa Zadi-Extinct Animals FantasyPartecipa al gruppo facebook OK ARTE - Artisti Costruttori di Pace
 
Pin It

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

Chiusura 16/07/2020 di Stefano Pariani
Molti milanesi la ricordano ancora come la “gesetta di lusert”, la chiesetta delle lucertole, un edificio [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani
Ci siamo già occupati sulle pagine di questa rivista di chiese milanesi abbandonate o lasciate all'incuria dei tempi e si auspicava per [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano