GTranslate

 

light into heavy

http://www.okarte.it
Inaugurazione MUST GALLERY di Lugano inaugura martedì 25 Ottobre 2016 la mostra light into heavy con opere di Giulio Cassanelli, Matteo Emery e Gianluca Quaglia.
La mostra è curata da Antonio D’Amico e da Francine Mury.

Giulio Cassanelli, Matteo Emery e Gianluca Quaglia riflettono sul peso della leggerezza, sulla possibilità che l’arte offre di entrare a stretto contatto con la magia della levità, con ciò che si insidia ovunque, nei pensieri, nei desideri e nella definizione nitida delle forme.
I tre artisti intendono la leggerezza come uno strumento di ricerca e una sospensione dei pesi che li conduce a sperimentare la dinamica degli opposti e ad affrontare l’entità di ogni elemento individuato, muovendosi in un ambito creativo che oscilla tra il tangibile e il sensibile.
 
Chiusura 27/11/2016 Via del Canvetto, Lugano (CH) mappa

Inaugurazione 25/10/201


Per Cassanelli la leggerezza trasforma il silenzio in un atto performativo che si libera nel respiro di un colore vibrato, generando forme che fluttuano, bolle di sapone guidate nell’aria che quando si depositano sulla superficie rivelano un barlume dell’io, un aspetto dell’essere e della realtà che ci circonda. Infatti, per l’artista bolognese la leggerezza è lo strumento per seguire e controllare l’imprevedibile.
Per Emery la leggerezza corrisponde all’esigenza di sondare nuove prospettive d’utilizzo per i materiali che individua nel reale e per i quali ripensa a inedite forme inconsuete. Il suo intervento è focalizzato sul tempo che regna sulle cose e passando inesorabilmente le trasforma e le riveste di mutevolezza e fragilità. Innescando meccanismi transitori, l’artista svizzero blocca nel tempo indecifrabile di un secondo i fotogrammi della metamorfosi delle forme, grazie all’utilizzo dello scatto fotografico o alla manipolazione e all’assemblaggio dei singoli elementi.
Per Quaglia la leggerezza è il disvelamento di forme che si nascondono, conquistano la propria identità e vivono in un luogo altro dal reale attraverso un gesto misterioso, attento e meditato che scaturisce nella rinascita autonoma di ogni singolo elemento. In questa nuova dimensione, ogni cosa si deposita in uno spazio che oscilla tra i meandri della sublimazione, dove le immagini mutano aspetto e sostanza.

Le loro opere sono un insieme di trame, di reti, di specchi e labirinti, sono in realtà metafore visive che nascono dall’io e dai sentimenti dell’individuo, per divenire pensieri del reale.

Light into heavy è un percorso espositivo composto da opere realizzate appositamente che offrono la possibilità di osservare da vicino i misteri della leggerezza catturata nel fascino delle bolle di sapone colorato, nelle diafane forme misteriche provenienti dall’inconscio e nelle infinite possibilità di scambio tra i dettagli di un mondo infinitamente piccolo, quanto imprevedibilmente ricco di una moltitudine cangiante di punti di vista.

L’osservazione del reale che scaturisce nel sogno e nella mimesi si palesa dinanzi agli occhi dello spettatore destando meraviglia e stupore!
La mostra, sottolinea la capacità dell’arte di astrarre alcuni dettagli che ci circondano ogni giorno e di elevarli a puro pensiero speculativo, grazie alla sensibilità degli artisti invitati.
Quello offerto da Giulio Cassanelli, Matteo Emery e Gianluca Quaglia è un percorso intimo e suggestivo che sviscera le trame della leggerezza contemplandone un diverso e inconsueto peso.

Antonio D’Amico
  - Chiusura 27/11/2016
Via del Canvetto, Lugano (CH) mappalight into heavy
25/10/201
 
mappa MUST GALLERY di Lugano inaugura martedì 25 Ottobre 2016 la mostra light into heavy con opere di Giulio Cassanelli, Matteo Emery e Gianluca Quaglia.
La mostra è curata da Antonio D’Amico e da Francine Mury.

Giulio Cassanelli, Matteo Emery e Gianluca Quaglia riflettono sul peso della leggerezza, sulla possibilità che l’arte offre di entrare a stretto contatto con la magia della levità, con ciò che si insidia ovunque, nei pensieri, nei desideri e nella definizione nitida delle forme.
I tre artisti intendono la leggerezza come uno strumento di ricerca e una sospensione dei pesi che li conduce a sperimentare la dinamica degli opposti e ad affrontare l’entità di ogni elemento individuato, muovendosi in un ambito creativo che oscilla tra il tangibile e il sensibile.

Per Cassanelli la leggerezza trasforma il silenzio in un atto performativo che si libera nel respiro di un colore vibrato, generando forme che fluttuano, bolle di sapone guidate nell’aria che quando si depositano sulla superficie rivelano un barlume dell’io, un aspetto dell’essere e della realtà che ci circonda. Infatti, per l’artista bolognese la leggerezza è lo strumento per seguire e controllare l’imprevedibile.
Per Emery la leggerezza corrisponde all’esigenza di sondare nuove prospettive d’utilizzo per i materiali che individua nel reale e per i quali ripensa a inedite forme inconsuete. Il suo intervento è focalizzato sul tempo che regna sulle cose e passando inesorabilmente le trasforma e le riveste di mutevolezza e fragilità. Innescando meccanismi transitori, l’artista svizzero blocca nel tempo indecifrabile di un secondo i fotogrammi della metamorfosi delle forme, grazie all’utilizzo dello scatto fotografico o alla manipolazione e all’assemblaggio dei singoli elementi.
Per Quaglia la leggerezza è il disvelamento di forme che si nascondono, conquistano la propria identità e vivono in un luogo altro dal reale attraverso un gesto misterioso, attento e meditato che scaturisce nella rinascita autonoma di ogni singolo elemento. In questa nuova dimensione, ogni cosa si deposita in uno spazio che oscilla tra i meandri della sublimazione, dove le immagini mutano aspetto e sostanza.

Le loro opere sono un insieme di trame, di reti, di specchi e labirinti, sono in realtà metafore visive che nascono dall’io e dai sentimenti dell’individuo, per divenire pensieri del reale.

Light into heavy è un percorso espositivo composto da opere realizzate appositamente che offrono la possibilità di osservare da vicino i misteri della leggerezza catturata nel fascino delle bolle di sapone colorato, nelle diafane forme misteriche provenienti dall’inconscio e nelle infinite possibilità di scambio tra i dettagli di un mondo infinitamente piccolo, quanto imprevedibilmente ricco di una moltitudine cangiante di punti di vista.

L’osservazione del reale che scaturisce nel sogno e nella mimesi si palesa dinanzi agli occhi dello spettatore destando meraviglia e stupore!
La mostra, sottolinea la capacità dell’arte di astrarre alcuni dettagli che ci circondano ogni giorno e di elevarli a puro pensiero speculativo, grazie alla sensibilità degli artisti invitati.
Quello offerto da Giulio Cassanelli, Matteo Emery e Gianluca Quaglia è un percorso intimo e suggestivo che sviscera le trame della leggerezza contemplandone un diverso e inconsueto peso.

Antonio D’Amico
27/11/2016 Via del Canvetto, Lugano (CH)
light into heavy
Pin It

Le interviste del Direttore

Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Carezza Violenta

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph

Chiese e dimore antiche

Villa Bernasconi a Cernobbio: vivere il Liberty

di Ugo Perugini
Non ci sono molti esempi di edifici Liberty [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Genova: l'incanto di un presepe in marmo del '400

di Stefano Pariani
In periodi di festività come questo [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Il fascino senza tempo dei Giardini della Guastalla

di Stefano Pariani  Nei giorni d'estate come questi, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani Non di rado il termine “stupore” [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

Correva l'anno 1487 quando, secondo [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

Simbolo dell'epoca comunale e della [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

C'è una fervida creatività che [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

L'immagine del treno e della sua [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

La storia di Milano – le pagine [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

galleria fotografica La chiamavano [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto