GTranslate

 

Il ritratto della scrittrice Melinda Miceli di Pietro Alessandro Trovato, confine sperimentale dove s'incontrano iperealismo e mistero.

Melinda MiceliAll'interno di un' illustre rassegna d'arte contemporanea di OmniArtEventi di Catania, Centro Studi per l'arte contemporanea, tenutasi dal 10 al 14 dicembre 2018 presso la Villa delle Arti a Gravina di Catania, è stato presentato alla stampa il ritratto della pluripremiata Scrittrice e critico d'arte Siracusana Melinda Miceli. L'opera del maestro Pietro Alessandro Trovato è stata collocata accanto al suo autoritratto che ha fatto il giro dell'Italia e delle più alte mostre contemporanee.Nel 2017 la prima edizione “Biennale Internazionale d’Arte del Mediterraneo” gli ha conferito il premio “MeArt – migliore opera iperrealista”. Vincitore del premio arte Pentafoglio 2016 per la pittura, l'artista 2 anni fa ha esposto anche al Louvre di Parigi nel salone delle arti contemporanee riscuotendo grandi consensi ed è uno dei massimi esponenti dell'iperrealismo come ha sottolineato la stessa Miceli in un precedente articolo: " Luci, riflessi e trasparenze iperrealiste. La natura morta del pittore siciliano Pietro Alessandro Trovato rendendo visibile, con una precisione quasi matematica, l’entità fisica è vivissima e al contempo fortemente allegorica: ogni dipinto, specchio retorico della sua percezione esistenziale, si staglia sul confine di due iperurani figurativi: l’Iperrealismo e il Realismo...

Nei suoi quadri le immagini possiedono un ruolo cruciale, sono strumenti di seduzione, nelle quali il cromatismo velato di trasparenze che sembrano attraversarle, assume una valenza simbolica attraverso la comparsa del vetro e di elementi di richiamo classico. Una natura morta, quella immortalata da Trovato che seppur lontana da ogni ricerca cubista, da ogni sfrenata euforia espressionista, da ogni velleità astrattista fa a pezzi la logica ed esalta l’antinomia, dispone a suo piacimento le esteriorità e catapulta lo spettatore nel buco nero dell’enigma..... La sua precisione dei dettagli contribuisce ad alimentare lo Shock della Visione, investendole di luce, riflessi e trasparenze. I suoi dipinti sembrano racchiusi in una bolla di muti segreti, quasi avvolti da un’aura metafisica, sospesa e staccata dal turbinio della vita. Il soggetto nella dimensione strutturale creato con energia e liricità nel suo suggestivo schema interpretativo si presta all’inganno visivo tipico del capolavoro entrato in azione semplicemente con la pittura che tende a una concretezza tale da generare l’illusione del reale stesso".

Melinda Miceli  TrovatoAbbiamo intervistato il maestro Trovato sul ritratto della Scrittrice Melinda Miceli: "Ho scelto il volto della scrittrice Melinda Miceli, una donna celebre e non comune, un essere quasi irreale, bellissima dagli occhi come due astri luminosi che con il loro magnetismo catturano l’attenzione di chi la guarda e come una musa ispiratrice e'stata fonte d'ispirazione per altri artisti, ma Melinda è un soggetto assai complesso: donna dell'intelligenza quasi diabolica, sebbene solare, creatura fatta d’armonia estetica e grande sapienza. La sua personalità solare, vivace e dinamica e allo stesso tempo profonda ed intellettuale sono le caratteristiche che più mi affascinano e che ho inteso riassumere in un suo ritratto. Ed ecco giunta l’ispirazione giusta che mi ha spinto a ritrarre il Critico d'arte Melinda Miceli con una tecnica nuova, probabilmente più contemporanea che oggi diventa anche una vera sperimentazione. Da anni diversi critici mi hanno catalogato tra gli artisti iperrealisti, ma un artista non vuole essere etichettato, vuole sperimentare. Nel ritratto della scrittrice Melinda Miceli, emblema della Cultura siciliana al femminile, donna Siciliana dell'anno per 3 anni consecutivi, 11 premi nazionali e 18 pubblicazioni e 2 lauree honoris causa, ho cercato di rendere la rappresentazione un'idea più nuova, cercando però di non lasciarmi distogliere solo dalla sua bellezza, ma dipingendo quasi un essere angelico ed evanescente ho inteso sottolineare gli occhi che come estroflessori della sua mente unica e complessa. La sua energia solare e la sua intelligenza si irradia per tutto il ritratto che risulta essere senza ombre scure, luminoso e allo stesso tempo reale e irreale, quasi come nelle mie nature morte dove rappresento la trasparenza dei vetri materia incorporea, quindi la rappresentazione dell’anima impalpabile". A tal proposito emblematica è la recensione del Critico Melinda Miceli soggetto stesso dell'opera apparsa su Ars Magistris dalla quale estraiamo il senso stesso della misteriosa tela: "Nell'opera in oggetto il maestro Pietro Alessandro Trovato sperimenta una nuova tecnica ad acrilico con additivo che si presta ad una stesura flessuosa per lavorare sui riflessi di luce e le gradazioni di colore, quasi una contaminazio per sottolineare l’effetto realista in una visione diversa rispetto alla scuola, più classica e considerevolmente più letterale, del fotorealismo.
I colori acrilici sono lisci, opachi, non riflettono la luce e possono esser resi trasparenti da forti diluizioni ottenendo un'immagine reale ma trasognata che va al di là delle semplici apparenze.
Il tratto sottile ma incisivo si posa sul contorno delle labbra, degli occhi e degli zigomi della sua modella per esaltare il volume degli stessi aggiungendo una dimensione di sensualità al soggetto femminile. L’artista ottiene spettacolari effetti di illusionismo pittorico come nella resa dei capelli e della pelle; tutta la fattura è di altissima qualità tecnica. Sulla scia dei ritratti sognanti di Manuela Landroyo, ha colori accesi ed eterei che ne determinano un'inedita luminosità accecante quasi che il soggetto fosse dipinto en plen air. L'immagine iperrealista dallo sguardo magnetico è lontana nel tempo per i suoi tratti classici, quasi arcangelica, effigiata qui come la chiave di un se che apre la sua stessa anima. Misteriosa e malinconica attraversa quell'ideologia del tempo congelato che ha nutrito le più grandi pagine della cultura europea da Sterne a Eco, esprimendo la contemplazione del tempo stesso che sembra cristallizzarsi sui tratti del soggetto quasi intrappolato nella trama vitrea. Dietro il trasferimento dei tratti del volto e l’attenzione ai dettagli dello stesso, Pietro Alessandro Trovato con la sua maschera cromatica iperrealista cela l’inganno dell’occhio, attraverso una stesura dove parti finite si alternano a parti mancanti, quell'alea quasi soprannaturale ancora volutamente da disegnare, ed accattivanti tanto quanto il lavoro finito. Parti e contestualizzazione riflessiva del soggetto che portano a definire l’opera come un modello artistico per esplorare emozioni profonde... Il messaggio di questo ritratto dalla tecnica sperimentale ed all’avanguardia dell’iperealismo di cui Pietro Alessandro Trovato... non è solo la bella la visione di un'immagine fotografica; il soggetto nel suo pathos reale e spirituale entra in scena per veicolare messaggi forti evocando le finalità stesse dell’artista; il netto confine tra finito e infinito, tra immortalità e caducità dell’esistenza nell’ambiguo alternarsi dell’ineffabile ambivalenza dell’essere".
Tancredi Filangeri







Pin It

Le interviste del Direttore

Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

di Stefano Pariani
Ci siamo già occupati sulle pagine di questa rivista di chiese milanesi abbandonate o lasciate all'incuria dei tempi e si auspicava per [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani
La storia dell'Ospedale Fatebenefratelli di Milano è fortemente legata a quella della sua città e affonda le radici nel Cinquecento, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Margherita Pavoni
Il luogo senz'altro più affascinante di Bergamo Alta è la piazza Vecchia con i suoi portici e la piazzetta della Basilica di Santa [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Milano: storia di una chiesetta dimenticata e imbrattata

di Stefano Pariani
Sono in molti a Milano a conoscere la Chiesa di Sant'Antonio da Padova, nelle adiacenze del Cimitero Monumentale, luogo che raccoglie [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Other Articles

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph