GTranslate

 

In mostra: le immagini di Gerard Bruneau sull'eccellenza delle scienziate italiane

artisti costruttori di pace
Chiusura 30/06/2019
di Francesca Bellola
Il celebre fotografo francese Gerald Bruneau, autore eclettico e sensibile artista, racconta - attraverso i suoi scatti fotografici - i volti e le competenze di alcune delle più grandi scienziate italiane nella mostra “Una vita da scienziata – I volti del progetto #100esperte”.
via Saint Bon, 20 Milano mappa
Inaugurazione 15/01/2019
«Ho trovato grandi donne, anche quando piccole e fragili di aspetto, che hanno avuto la forza e la capacità di affermarsi e di conquistare spazi di rispetto, di responsabilità e direzione in un mondo così difficile, ancora fortemente androcentrico, diffidente, discriminante». Con queste parole, il celebre fotografo francese Gerald Bruneau, autore eclettico e sensibile artista, racconta - attraverso i suoi scatti fotografici - i volti e le competenze di alcune delle più grandi scienziate italiane nella mostra “Una vita da scienziata – I volti del progetto #100esperte”. Il progetto artistico, visitabile (ingresso libero) fino al 30 giugno presso il CDI - Centro Diagnostico Italiano di via Saint Bon a Milano, è ideato e curato da Fondazione Bracco per sensibilizzare e contribuire a superare i pregiudizi di molte attività soprattutto nell'ambito scientifico che, per parecchi anni, sono stati di dominio prettamente maschile.

Secondo i risultati nazionali del Global Media Monitoring Project 2015, nel campo dell'informazione la presenza degli uomini è preponderante con l'82%, mentre l'universo femminile è pressoché inesistente. Per raggiungere le pari opportunità, nel 2016 è nato il progetto “100 donne contro gli stereotipi” da un’idea dell’Osservatorio di Pavia e dell’Associazione Gi.U.Li.A. in collaborazione con Fondazione Bracco e con la Rappresentanza in Italia della Commissione Europea.
I dati non sono confortanti se pensiamo che, come ogni anno, lo scorso 11 febbraio si è celebrata la Giornata Mondiale delle donne e delle ragazze nella scienza, decretata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel 2015.

Nel 2019, infatti, occorre sfatare il 'luogo comune' di chi sostiene che questi settori siano ancora riservati agli uomini, senza considerare le eccellenze tutte al femminile che si sono fatte strada con grande dedizione e perseveranza. Così astrofisiche, biologhe, chimiche, farmacologhe, matematiche, chirurghe, paleontologhe, informatiche etc., di altissimo livello, vengono ritratte da Bruneau, svelandoci l'accesso ad ambienti privati e a spazi di ricerca come laboratori, università e ambulatori per sconfiggere gli stereotipi ormai obsoleti.
La mostra è parte di un ciclo di esposizioni iniziato nel 2010 con l'obiettivo di offrire maggior benessere ai pazienti, offrendo loro un'esperienza culturale, creando così un connubio tra arte e luoghi di cura.
In questo modo, si può trasmettere la scienza in maniera diversa, facendola entrare nel quotidiano, quindi più accessibile, con ottimismo ed un sorriso, in maniera entusiasmante e divertente.

Foto: Barbara Caputo, Fisica, docente di Ingegneria informatica presso l’Università La Sapienza di Roma e ricercatrice all’IIT-Istituto Italiano di Tecnologia. Gerald Bruneau, ©Fondazione Bracco
 
In mostra: le immagini di Gerard Bruneau sull'eccellenza delle scienziate italianePartecipa al gruppo facebook OK ARTE - Artisti Costruttori di Pace
 
Pin It

Le interviste del Direttore

Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

di Margherita Pavoni
Il luogo senz'altro più affascinante di Bergamo Alta è la piazza Vecchia con i suoi portici e la piazzetta della Basilica di Santa [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Milano: storia di una chiesetta dimenticata e imbrattata

di Stefano Pariani
Sono in molti a Milano a conoscere la Chiesa di Sant'Antonio da Padova, nelle adiacenze del Cimitero Monumentale, luogo che raccoglie [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Other Articles

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph