GTranslate

 

La forza del disegno. A Brera una mostra confronta l'arte grafica ai dipinti

di Francesca Bellola

breragalleria fotografica Brera poco nota, quella del Gabinetto dei Disegni, una collezione che vanta quasi mille pregiati fogli in bianco e nero, a matita, inchiostro, gessetto, acquerello ecc.

L'accademia di Belle Arti, fin dall'epoca neoclassica, ha raccolto disegni e cartoni preparatori come esemplari scelti come studio per gli allievi. L'Istituto offriva l'opportunità di essere frequentato, dal mattino alla sera, anche dalle persone meno abbienti. La Pinacoteca ospita, fino al 19 luglio, la bella mostra “ Il primato del disegno” un'importante selezione di 128 opere su carta a partire dal Trecento fino al Novecento, provenienti da prestigiose istituzioni internazionali nonché dalla stessa raccolta bradense.

La rassegna, coprodotta da Skira con il sostegno di Intesa San Paolo, è curata da Sandrina Bandera, da anni alla guida sia della Pinacoteca che della Soprintendenza delle Belle Arti lombarda, con il supporto di un comitato scientifico di fama mondiale.

La sequenza dei disegni correlati ai quadri della Pinacoteca e presentati in un'unica sala, facilita la comprensione. Non solo, la didascalia di ogni esemplare indica il dipinto corrispondente e la sala nella quale è esposto. Nasce così un confronto interessante e storico, si parte dalla fase progettuale, quindi dallo studio dei soggetti eseguiti spesso con ripensamenti, alle rielaborazioni fino ad arrivare alla stesura finale. L'esposizione vuole dimostrare come il disegno, dalle origini ad oggi, rappresenti il fulcro di un'opera pittorica.

breraIl percorso espositivo è cronologico, si parte da Stefano da Verona e da Pisanello per approdare al XX secolo con Giacometti, Morandi, Sironi. Nel mezzo incontriamo diversi capolavori quali il monocromo su tavola con la “Pietà” di Giovanni Bellini, il “Ritratto maschile” di Boltraffio, l'”Uomo a mezzo busto” di Leonardo da Vinci. E ancora, Bramantino, Gaudenzio Ferrari, Tintoretto, Ludovico Carracci, Guido Reni, Canaletto, Hayez, gli autoritratti di Segantini e Boccioni.

Il cuore della mostra è Raffaello con il suo unico disegno preparatorio conosciuto per “Sposalizio della Vergine” proveniente da Oxford. La purezza del segno grafico e la sua capacità di percepire una visione di perfezione assoluta, lo rendono il punto di riferimento per tutto il Cinquecento.

Il disegno era il cardine delle dinamiche di bottega. Spesso gli artisti disegnavano sul retro dei dipinti, tracciando schizzi, oppure utilizzavano più volte il cartone preparatorio per la ricerca della perfezione. Ne scaturisce una visione completa sull'importanza del lavoro progettuale. Lavoro meticoloso ed eccelso, in alcuni casi, di qualità superiore al dipinto stesso.

Pinacoteca di Brera – Sala I

Milano, Via Brera, 28

9 maggio – 19 luglio 2015

Pin It

Le interviste del Direttore

Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

di Stefano Pariani
Ci siamo già occupati sulle pagine di questa rivista di chiese milanesi abbandonate o lasciate all'incuria dei tempi e si auspicava per [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani
La storia dell'Ospedale Fatebenefratelli di Milano è fortemente legata a quella della sua città e affonda le radici nel Cinquecento, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph