GTranslate

 

Chaka Khan: Hello Happiness

Da oggi lo spazio musicale è dedicato anche ad altri stili sempre rigorosamente Black. Speriamo apprezzerete!

di Margherita Pavoni
Un primo ascolto per curiosità ed un secondo per essere catturati completamente: Chaka Khan si è appena liberata da un torpore discografico lungo oltre un decennio e sta passando la scossa a chiunque le capiti sotto mano! E pensare che la formidabile performer e batterista a 65 anni suonati potrebbe concedersi ben altra vita con una pensione guadagnata dopo 4 lunghe decadi di carriera.
Invece no, giunta al dodicesimo album in studio (ventitreesimo se si conta il periodo con i Rufus) la celebre “Queen of funk” canta in maniera frizzante e accattivante più che mai. Come fa?

 

 
Grossa parte del merito va al produttore e dj/remixer David "Switch" Taylor. E' sua l'idea di smembrare la struttura di queste nuove 7 composizioni in elettrizzanti Jam guidate dal groove e dall'hook, trasformandole di fatto in dance tracks reminiscenti del vecchio mix.
Il risultato funziona: "Hallo Happines" pescherà ancora dal funk tipico del catalogo di Chaka, mostrando una buona dose di carattere per stare al passo coi tempi.
Sudore, ritmi serrati, bassi pulsanti, sample meccanici e trattamenti vocali "à gogo", un "cocktail" che fa gridare estate già a marzo.

Ovviamente nulla avrebbe senso se a tenere le fila del discorso non ci fosse la voce della Queen of Funk per eccellenza. La sua capacità di lanciare urla contro la forza di gravità sulla sguaiata synth disco di "Like a lady" è impressionante. Sulla “Title track switch” si è divertita ad autorelegarsi come corista a servizio del beat ed il risultato è accattivante. E per un melodia a cavallo tra il blues e l'R&B il risultato è l'esplosiva "Too Hot". Ci sono comunque un paio di momenti per riprendere il fiato: lo scheletro dubbio elettronico di "Isn't That Enought" e la dolcezza di una chitarra acustica col rumore del bagnasciuga in sottofondo su "Lady like".
Sono trascorsi 50 anni di musica e Chaka se l'è sempre cavata benissimo a partire, o meglio a concludere con la sua ultima fatica in studio "Funk This" del 2007.
 
Chaka Khan: Hello HappinessPartecipa al gruppo facebook OK ARTE - Artisti Costruttori di Pace
 
Pin It

Le interviste del Direttore

Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

di Stefano Pariani
Ci siamo già occupati sulle pagine di questa rivista di chiese milanesi abbandonate o lasciate all'incuria dei tempi e si auspicava per [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani
La storia dell'Ospedale Fatebenefratelli di Milano è fortemente legata a quella della sua città e affonda le radici nel Cinquecento, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Margherita Pavoni
Il luogo senz'altro più affascinante di Bergamo Alta è la piazza Vecchia con i suoi portici e la piazzetta della Basilica di Santa [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Milano: storia di una chiesetta dimenticata e imbrattata

di Stefano Pariani
Sono in molti a Milano a conoscere la Chiesa di Sant'Antonio da Padova, nelle adiacenze del Cimitero Monumentale, luogo che raccoglie [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Other Articles

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph