GTranslate

 

A Vigevano “rivive” Leonardo: gli influssi del genio nella pittura Lombardo-Piemontese

Vigevano
Chiusura 06/01/2020
di Stefano Pariani
Nel cinquecentenario della morte di Leonardo tra le varie iniziative si inserisce anche una piccola mostra nello splendido scenario rinascimentale di Vigevano. Luogo prediletto da Ludovico il Moro, che amava soggiornarvi, Vigevano vide all'opera i suoi artisti di punta, Bramante e Leonardo, e Piazza Ducale è ancora una delle più belle e meglio conservate piazze rinascimentali italiane.
Piazza Ducale, 25 Vigevano mappa
Inaugurazione 04/10/2019
 Non si poteva quindi trovare miglior luogo per ospitare incontri e manifestazioni sul genio da Vinci, tra cui s'inserisce “Nel segno di Leonardo”, la mostra inaugurata il 4 ottobre scorso che riflette sugli influssi del maestro sui pittori del territorio lombardo-piemontese a lui contemporanei o di poco posteriori.

Fulcro dell'esposizione è la tavola della chiesa di Santa Giustina ad Affori, che raffigura “La Vergine delle rocce”, tradizionalmente attribuita a Bernardino Luini, amico e collaboratore di Leonardo, o alla sua cerchia. Si tratta di una copia (non fedelissima) del celebre capolavoro vinciano, che testimonia l'enorme fascinazione che quel dipinto esercitò già sui contemporanei, desiderosi di emulare il modello, senza tuttavia riuscire ad eguagliare quella sfuggente e indefinita grazia dei volti e la rarefazione del paesaggio. Nella stessa sala, accanto a questo dipinto, si trovano altre copie, tra cui una piccola proveniente dai Musei Civici di Pavia, ed una grande pala del Gianpietrino raffigurante la “Natività”, prestito della Pinacoteca Albertina di Torino. Una preziosa testimonianza, quest'ultima, di come sia stato assimilato il linguaggio leonardesco e di come il dolcissimo angelo dell'originale “Vergine delle rocce” sia stato preso a modello per altri soggetti.

Ulteriore elemento di indagine è la “Madonna dei fusi” proveniente da Palazzo Costa a Piacenza. Se dell'originale leonardesco non si hanno tracce, esistono diverse copie e varianti e la mostra offre un'occasione per riflettere su questa particolare iconografia. Il carmelitano Pietro da Novellara fece una descrizione dettagliata dell'opera in una lettera indirizzata a Isabella d'Este, di cui era “agente” d'arte, dopo averla vista in fase di elaborazione nello studio di Leonardo. Potrebbe anche darsi che Leonardo non abbia mai portato a termine l'opera, rimasta solo a livello di disegno, e che in seguito si siano diffuse copie di allievi e seguaci. Accanto alla “Madonna dei fusi” un'altra inedita tavoletta presenta una variante di questo modello, col viso della Madonna ruotato verso sinistra. Nella stessa sala sono esposte una “Madonna con Santi” di Cesare Magni, pittore leonardesco aperto agli influssi del Bergognone, forse eseguita proprio a Vigevano negli anni in cui lavorava per il duomo cittadino ed una pala con la “Natività” del piemontese Gandolfino da Roreto, una sorta di elegante presepe, recente recupero del pittore astigiano in una collezione privata.

Nel complesso tredici opere, prestiti di prestigiosi enti e di collezioni private, che occupano le ultime due sale della Pinacoteca Civica, dove è possibile ammirare l'interessante collezione di artisti locali dal Cinquecento al Novecento. Un'occasione in più per una visita a Vigevano e per osservare da vicino il potente influsso del modello leonardesco, che ha affascinato artisti non solo lombardi, ma anche dei territori limitrofi.

“Nel Segno di Leonardo. Modelli e sviluppi tra Lombardia e Piemonte”
4 ottobre – 6 gennaio 2020
Pinacoteca Civica
Vigevano
www.comune.vigevano.pv.it


 
A Vigevano “rivive” Leonardo: gli influssi del genio nella pittura Lombardo-Piemontese Partecipa al gruppo facebook OK ARTE - Artisti Costruttori di Pace
 
Pin It

Le interviste del Direttore

“Baci rubati, Covid 19”, l'arte di Galliani
A cura di Francesca Bellola

Il pittore di fama internazionale si racconta: l'infanzia,...

Leggi tutto...
Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph