GTranslate

 

Romaeuropa Festival si chiude con una grande giornata finale all’Auditorium Parco della Musica di Roma domenica 25 novembre

Dalla sala Santa Cecilia alla Petrassi, passando per la Sinopoli e il Teatro Studio Borgna: Romaeuropa Festival si chiude con una grande giornata finale all’Auditorium Parco della Musica di Roma domenica 25 novembre.
Dalle ore 16 alle 21, si passano il testimone cinque concerti per salutare la fine di questa trentatreesima edizione con la grande musica, come sempre a cavallo tra generi e contaminazioni e quest’anno come non mai “Between words”, per evidenziare la voglia di mediazioni e riconciliazioni tra opposti, la necessità di riflessione e accoglienza e l’esigenza di approfondimento che non dimentica il fare “festa” come gioiosa pratica di inclusione.
Protagonisti della serata la star del Benin Angélique Kidjo nella sua unica data italiana di presentazione del nuovo disco Remain in Light by Talking Heads,Matthew Herbert, per la prima volta in Italia, sul palco della Sala Santa Cecilia con la sua Brexit Big Band, l’artista visivo e musicista giapponese Ryoji Ikeda in un doppio appuntamento e il musicista contemporaneo Franco D’Andrea Octet, sul palco con il suo Octet con Intervals I – II.


Vincitrice di tre Grammy award, icona indiscussa della musica internazionale, tra le massime rappresentanti della world music e tra le voci più belle del mondo, Angélique Kidjo presenta per la prima volta in Italia il nuovo disco uscito di recente Remain in Light, l’album dei Talking Heads registrato dal gruppo insieme a Brian Eno nel 1980 e contaminato, a partire dall’influenza del musicista nigeriano Fela Kuti, dalla poliritmia africana, dal funk e dalla musica elettronica.

Prodotto da Jeff Bhasker (Rihanna, Kanye West, Harry Styles, Bruno Mars, Drake, Jay-Z) con la collaborazione di Ezra Koenig dei Vampire Weekend, Tony Allen e molti altri artisti, il nuovo lavoro celebra il genio diBrian Eno contaminandolo con il canto euforico di Angélique, testi cantati in lingue del suo paese d'origine e percussioni esplosive. Un vero e proprio incontro tra sonorità e culture differenti, ma anche un omaggio a una delle più grandi band della storia della musica, attraverso lo sguardo di una delle artiste più cosmopolite di sempre.

Per la prima volta in Italia, il concerto della Matthew Herbert’s Brexit Big Band chiude a Santa Cecilia la giornata (ore 21). Protagonista il musicista, dj e produttore discografico britannico Matthew Herbert, anche conosciuto anche come Doctor Rockit o Mr. Vertigo. Più di cinquanta artisti, tra musicisti, cantanti, coristi e solisti provenienti dai differenti paesi s’incontrano sul palco e formano un’unica enorme band per celebrare l’unione tra i popoli, tra gli artisti, tra i suoni dell’Europa e del mondo. 

Una festa d’addio iniziata con l’annuncio dell’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea, che sta attraversando tutto il vecchio continente coinvolgendo artisti e pubblici diversi per culminare, nel 2019 (l’anno in cui il Regno Unito uscirà ufficialmente dall’UE), nella registrazione e pubblicazione di un unico album.

In un clima politico sempre più fratturato e diviso, in cui la tolleranza e la creatività sono in pericolo, si sente l’urgenza di affermare il desiderio di dialogo di una parte della comunità musicale della Gran Bretagna, con i nostri amici più vicini ma che presto saranno meno raggiungibili: ha chiarito Matthew Herbert parlando dello spettacolo.

Uno dei maggiori esponenti della computer music contemporanea e uno dei pionieri della musica astratta, il compositore e artista giapponese Ryoji Ikeda si è guadagnato un posto nella storia della musica grazie a una precisione ed estetica matematica, insieme all’attenzione per le caratteristiche essenziali del suono e della luce.

Per lui un doppio appuntamento già dal pomeriggio: in prima nazionale Music for percussion(salaPetrassi, ore 16): composizione nata in collaborazione con il gruppo di percussionisti Eklekto Ensemble che restituisce in formato analogico i suoni digitali a cui ci ha abituati il genio giapponese; e Datamatics [ver. 2.0](sala Petrassi, ore 18). Più che un semplice concerto di elettronica, sarebbe più corretto definire quest’ultimo un percorso sensoriale in cui dati analogici sono traslati nel codice digitale: una performance live in cui suoni, luci e forme geometriche semplici, bianco e nero si alternano, ipnotizzando letteralmente lo spettatore e trascinandolo in un universo digitale irriconoscibile e privo di coordinate.

Considerato uno dei musicisti più importanti della scena contemporanea grazie alla sua capacità di assorbire le esperienze del Novecento storico, fondendole con la musica africana e con l’Avanguardismo Americano, Franco D’Andrea Octet presenta Intervals I – IIsul palco del Teatro Studio Gianni Borgna (ore 17). Intervals I e Intervals II sono i due episodi del progetto, portato avanti dal compositore e pianista jazz di Merano, incentrato sulla particolare combinazione di intervalli da cui scaturiscono improvvisazioni collettive.

Ryoji Ikeda – Eklekto | music for percussion | Prima nazionale

Sala Petrassi - h 16 - da € 15 a 30

Franco D’Andrea Octet - Intervals I – II

Teatro Studio Borgna - h 17 - da € 15 a 20

Ryoji Ikeda- datamatics [ver. 2.0]

Sala Petrassi - h 18 - da € 15 a 30

Angélique Kidjo - Remain in Light by Talking Heads

Sala Sinopoli - h 19 - da € 15 a 30

Matthew Herbert’s Brexit Big Band

Sala Santa Cecilia - h 21 - da € 15 a 30
Pin It

Le interviste del Direttore

Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

di Stefano Pariani
Ci siamo già occupati sulle pagine di questa rivista di chiese milanesi abbandonate o lasciate all'incuria dei tempi e si auspicava per [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani
La storia dell'Ospedale Fatebenefratelli di Milano è fortemente legata a quella della sua città e affonda le radici nel Cinquecento, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Margherita Pavoni
Il luogo senz'altro più affascinante di Bergamo Alta è la piazza Vecchia con i suoi portici e la piazzetta della Basilica di Santa [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Milano: storia di una chiesetta dimenticata e imbrattata

di Stefano Pariani
Sono in molti a Milano a conoscere la Chiesa di Sant'Antonio da Padova, nelle adiacenze del Cimitero Monumentale, luogo che raccoglie [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Other Articles

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph